facebook_pixel

Blog

Il Censis: «Il consumo di carne è minacciato da falsi miti»

Non è vero che in Italia se ne mangia troppa, dice l’istituto di ricerca, che ridimensiona nettamente anche gli effetti negativi sulla salute e sull’impatto ambientale. Articolo tratto da Affari di Gola

«Mangiare carne non è contro la buona nutrizione. Un moderato consumo di carne è previsto dalla dieta mediterranea, considerata la più efficace per migliorare la qualità della vita e prevenire le principali patologie. Le proprietà nutritive della carne sono uniche nel loro genere: contiene proteine nobili, vitamine (tra cui la B12), ferro altamente disponibile. Inoltre, è un alimento ad alta efficienza nutrizionale: a parità di nutrienti, apporta meno calorie rispetto ad altri, riducendo il rischio di sovrappeso».

E non lo diciamo noi e nemmeno lo dicono gli allevatori, ma il Censis, il Centro Studi Investimenti Sociali, un istituto di ricerca socio-economica fondato nel 1964.

Inoltre la ricerca si concentra sul consumo in Italia di carne che, sostiene il #Censisi, non è affatto eccessivo ed anzi è tra i più equilibrati al mondo.

Tutto ciò non fa altro che confermare le noste più profopnde convinzioni:

– quello che fa veramente male è la scarsa qualitàEd è una colpa di chi consuma perché oggi riconoscere la buona qualità non è poi così difficile;

– le mode “Radical Chic” sulla buona alimentazione sono il male peggiore per la nostra salute. Scegliamo ciò che ci fa pù belli e fighi agli occhi degli altri e non ciò che veramente ci fa stare meglio.

Qui l’articolo completo, per chi volesse approfondire. Buona lettura.

http://www.larassegna.it/…/il-consumo-di-carne-minacciato-…/

POST A COMMENT